uLTiMe NoTiZie

Loading...

SeGa

Sega Master System 1986

CoNSoLe - SeGa

Sega Master System

 

Il Sega Master System (comunemente Master System o abbreviato SMS), è una console per videogiochi a 8 bit basata su cartucce e prodotta da SEGA.

È la versione internazionale della console giapponese SG-1000 Mark III. La console rese la SEGA il principale competitore della Nintendo nel mercato giapponese e mondiale.

Il Master System venne lanciato in diretta concorrenza del Nintendo Entertainment System.

La console non è riuscita a spodestare il competitore ma comunque ha goduto di un buon successo commerciale in Europa che si è protratto in mercati secondari come quello del Brasile.

   

Sega Mega Drive 1988

CoNSoLe - SeGa

Sega Mega Drive

 

Sega Mega Drive è il nome di una console 16 bit rilasciata da SEGA in Giappone il 29 ottobre 1988, in Europa il 20 novembre 1990 e negli Stati Uniti il 14 agosto 1989 con il nome di Sega Genesis. La console, venduta al lancio in abbinamento con il videogioco Altered Beast, attirò subito l'attenzione degli appassionati per la sua velocità e le alte capacità grafiche.

Quando uscì il Super Nintendo, circa un anno e mezzo dopo, il Mega Drive iniziò un lento declino di popolarità, pur mantenendo una solida base di utenti in alcuni paesi. Infatti, nonostante il Super Nintendo avesse indiscutibilmente un hardware migliore, il parco giochi del Megadrive era molto vasto e di ottima qualità.

Inoltre, il Super Nintendo aveva una grave limitazione: la CPU, seppur affiancata da potentissimi coprocessori che la liberavano dai compiti relativi a grafica e sonoro, era pur sempre inferiore, e tanto, rispetto al Motorola 68000 della macchina rivale. Molti giochi per Super NES erano pieni di rallentamenti, al punto che alcune cartucce furono dotate di vere CPU che dessero una mano al processore principale della console. Ovviamente, ciò influì sui prezzi.

In seguito il Mega Drive divenne il secondo sistema dotato di lettore CD-ROM esterno (Mega CD) che aggiungeva non solo una maggior capacità di memorizzazione ma anche potenza di calcolo al sistema, permettendo di avere velocità maggiori, grafica più accurata e, naturalmente, colonne sonore di qualità CD. Al dicembre 1995 erano state vendute negli Stati Uniti circa 16 milioni di unità a coronamento di uno dei prodotti di maggior successo di casa Sega.

   

Sega Game Gear 1991

CoNSoLe - SeGa

Sega Game Gear

 

Il Game Gear è una console portatile prodotta da SEGA e originariamente conosciuta come "Project Mercury". Fu commercializzata in Giappone il 6 ottobre 1990, in Nord America ed Europa nel 1991 e in Australia nel 1992. La console dal punto di vista hardware era un Master System portatile, ed era possibile giocare ai videogiochi di quella console tramite un convertitore ufficiale.

Mentre SEGA e Nintendo si contendevano la supremazia nel mondo delle console domestiche, quest'ultima conquistò un nuovo mercato, ovvero quello delle console portatili con il rilascio del Game Boy: il Game Gear fu la risposta della casa di Sonic.

Per spostare i rivali dal gradino più alto del podio, la SEGA decise di puntare tutto sull'hardware, cercando di dare vita ad una console capace di superare le prestazioni del Game Boy. Lo schermo infatti era composto da un LCD a matrice passiva a colori, dotato di retro-illuminazione; anche la potenza dei processori era maggiore e la SEGA pronosticava che l'unità avesse un successo tale da diventare un prodotto di punta.

Tuttavia, il Game Gear non ebbe lo sperato successo commerciale

   

Sega Dreamcast 1998

CoNSoLe - SeGa

Sega Dreamcast

 

Il Dreamcast è stato lanciato in Giappone il 27 novembre del 1998, il 9 settembre 1999 in America (al prezzo di $199.99) e il 14 ottobre 1999 in Europa. Nonostante alcuni problemi avuti durante il lancio in Giappone, negli USA la console ottenne un ottimo successo con circa 300,000 preordini e 500,000 unità vendute in due settimane. Con un milione di unità vendute nel giro di due mesi, il Dreamcast superò il record fino a quel momento detenuto dalla PlayStation, che lo aveva ottenuto in un periodo di nove mesi. In Europa le vendite si attestarono sulle 400,000 unità vendute in circa un mese dal lancio.

VMU della console Disponendo di un modem a 56k (33.6 kbit/s per la versione PAL ) incorporato ed utilizzando un adattamento del sistema operativo Microsoft Windows CE, il Dreamcast è stato il primo sistema a proporre un servizio per videogiochi on-line che non obbligava l'utente ad acquistare ulteriori periferiche, oltre che a permettere una comoda connessione e navigazione in internet, anche con la possibilità di inviare e-mail usando anche la tastiera opzionale. Grazie a questa connettività, gli utenti potevano inoltre installare aggiornamenti ed upgrade per i vari giochi sulle VMU della console.

I titoli di lancio come Soul Calibur, Sonic Adventure, Power Stone, Hydro Thunder, e i videogiochi sportivi publicati dall'etichetta Sega Sports furono tra i fautori del successo ottenuto durante il primo anno di vita del sistema. Grazie ad una diminuizione di prezzo e a problemi nella distribuzione della concorrente PlayStation 2, le vendite aumentarono del 156.5% tra il 23 giugno al 30 settembre del 2000, ma calarono in concomitanza delle festività natalizie, durante la quale venne superata dalla concorrente.

Il 31 gennaio 2001, Sega annunciò che la produzione del Dreamcast sarebbe terminata a marzo dello stesso anno, adducendo problematiche per la realizzazione contemporanea di software e hardware. L'ultimo titolo pubblicato ufficialmente per la console è stato NHL 2K2, in febbraio 2002. Durante lo stesso anno, Sega abbassò il prezzo di listino del Dreamcast fino ad arrivare a 49.99$.

   

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information